Attrezzatura foto/video

Vi capita mai di non avere le idee chiare su cosa portare in viaggio per scattere le foto ai luoghi che visitate? A me è successo tante volte, ora sono abbastanza autonomo nello scegliere, ma in ogni caso quando ho necessità di fare un acquisto dei dubbi possono presentarsi anche molto rapidamente.

Così ho deciso di raccontarvi cosa utilizzo per realizzare le fotografie che trovate in queste mie pagine. Ovviamente la mia attrezzatura non è quella di un professionista, cioè di una persona che fa della fotografia la sua professione, ma proprio per questo credo che tutto ciò sarà utile a molti, quanto meno come termine di paragone tra ciò che si spende e ciò che si può ottenere. In ogni caso ricordate, non è la macchina fotografica costosa che fa la foto bella!

Il drone (ultimo entrato nello zaino)

L’ultimo acquisto (per ora) e quindi l’ultimo ad entrare nel mio zaino è il DJI Mini 2. Vai all’articolo dedicato facendo click qui o sulla foto.

La macchina fotografica

Non parlo di smartphone ma di macchina fotografica, per me sono due cose distinte e così rimarranno (anche se mai dire mai). Con lo smartphone posso fare qualcosa “usa e getta”, posso “prendere nota” di un luogo o di un dettaglio che altrimenti mi sfuggirebbe, ma per una fotografia vera mi piace scattare in RAW con una macchina fotografica.

L’ultima arrivata (Dicembre 2021) nel mio bagaglio di viaggio è la Nikon Z fc: bellissima!

Quando è uscita, ad inizio estate 2021, mi sono detto che avrei dovuto averla. Ho quindi atteso alcuni mese per vedere le prime recensioni su larga scala e poi, dato che confermavano quello che pensavo, l’ho presa. Forse non è la macchina fotografica più comoda al mondo da impugnare, ma oltre ad essere veramente bella, ha anche tante funzioni che mi fanno poi preferire Nikon a tutto il resto.

E’ molto leggera, specialmente se abbinata al suo obbiettivo dedicato color argento Z DX 16-50, quello che si vede nella foto sopra. E quando si viaggia, insieme alle dimensioni veramente compatte, è l’ideale.

La qualità delle foto è ottima, ne vedrete su questo blog veramente tante, non si può non portarsela ovunque.

Per completarne un po’ la praticità e la comodità di utilizzo, mi sono voluto regalare anche un paio di accessori: una impugnatura ed un telecomando wireless (Bluetooth).

La prima è un oggetto totalmente passivo, nel senso che non ha funzioni se non quella di facilitare la presa della macchina.

Si attacca al corpo della Nikon tramite il foro per il cavalletto, quello sotto, e fornisce una presa molto più comoda e stabile. Ovviamente aggiunge anche un po’ di peso, è realizzata in alluminio e silicone, ma farla in plastica non avrebbe fornito un livello di sicurezza e durata paragonabile.

Viene prodotto in due versioni, una silver e nera (quella che ho preso io) ed una tutta nera. E’ dotato dei classici fori per cavalletto sia sulla base che sull’impugnatura, lateralmente quindi. Questo può essere utile per montare la Nikon su di un cavalletto che non abbia la testa sferica o ribaltabile di 90° (per foto in formato portrait). La base di questa impugnatura è sagomata in modo apposito per essere fissata a dei cavalletti con attacco rapido.

L’ho preso in Amazon, è fatto molto bene: https://amzn.to/3t2al2a. Insieme al corpo macchina l’aspetto complessivo della camera è davvero bello, sembra ancora più vintage.

Il telecomando (qui a fianco) è il Nikon ML-L7, non ne potrete più fare a meno ogni volta che dovrete fare lunghe esposizioni, scattare dei selfie (e si utilizza anche per i video) o delle foto in sequenza su cavalletto.

Il suo peso è di pochi grammi e le dimensioni sono minimali, quindi non disturba la sua presenza. Si collega alla camera tramite Bluetooth, quindi non funziona per tutte quelle in commercio. Magari per la vostra macchina fotografica è previsto solo uno scatto remoto con il filo o solo tramite app per smartphone: controllate.

La Z fc si può controllare anche tramite app SnapBridge di Nikon, il dialogo avviene tramite WiFi (la camera fa da access point). Ma trovo molto più pratico un oggetto dedicato, il telecomando fisico, perché più veloce da usare, il tasto fisico vince sempre su quello touch.

Piccola nota: questa mania del touch a qualcuno è sfuggita di mano, soprattutto nelle automobili 😂.

Fino a poco tempo fa (Agosto 2020) usavo esclusivamente una Nikon D300s: lo so, oramai è vecchiotta, ma si difende ancora bene. Per esigenze anche di video e di praticità, mi sono regalato un Panasonic Lumix DMC-FZ2000.

Passare da una reflex ad un bridge non è stata una scelta facile, ma avevo bisogno di alleggerire il bagaglio e di avere uno strumento buono un po’ per tutto. Viaggiare con la Nikon comporta portarsi dietro corpo macchina più obbiettivi, almeno due, quindi peso e ingombro non devono essere un problema. Così questa Lumix è stata scelta perché è un buon compromesso tra prestazioni (comunque paragonabili alla Nikon oramai), praticità (non ha obbiettivi intercambiabili ma un unico Leica) e prestazioni (20.9 Mpx, video 4k, schermo rotante, 916g – praticamente lo stesso della Nikon ma senza obbiettivo – ed uno zoom 20x – che in viaggio non guasta affatto). In più, una cosa che mi piace molto, è la possibilità di collegare delle cuffie per ascoltare in diretta ciò che viene captato dal microfono (anche esterno) e finisce del file del video, ma di questo parleremo un’altra volta.

Treppiedi

Questo è un accessorio indispensabile ma anche alquanto scomodo da portare in viaggio con noi. Ma come si può fare una foto, soprattutto in notturna, senza? Non si può.

In “trasferta” non posso utilizzare il mio solito, quello bello pesante che arriva ad essere alto come una persona, l’imperativo è sempre quello di viaggiare quanto più comodi possibile.

Ho così optato per un tripod da viaggio (lo trovate in Amazon), abbastanza compatto ma solido, con testa sferica e gambe apribili su due posizioni (quella più larga ci serve quando vogliamo aumentare la stabilità, per esempio in presenza di vento).

In totale, tutto esteso, arriva a circa 50 cm di altezza. Capisco che non sia il massimo a volte, ma sono riuscito a farci foto tipo questa qui di seguito (mettendolo sopra il muretto del ponte sulla 4° strada di Los Angeles) ed ha retto tranquillamente una Nikon D300s con obbiettivo 17-70 F2.8.

Memorie

Non bastano mai, punto! Il bello di scattare in digitale è poter fare quante foto ci pare. Ma c’è bisogno di spazio per archiviarle. In viaggio, come in casa, un HD esterno è sempre necessario. E’ bene acquistarne uno di qualità e con porta USB 3.0 (quelle più veloci, altrimenti invecchiate nell’attesa che il trasferimento sia completo).

Mediamente una foto in formato RAW, come uso scattare, occupa abbondantemente oltre 20 MB di memoria, si fa quindi presto a riempire qualche GB in un solo giorno. Perciò utilizzo un HD esterno da 2 TB. Ovviamente ce ne sono di più spaziosi, ma non è mai bene spendere troppo denaro in queste cose, tali tecnologie diventano obsolete troppo velocemente. Quindi acquisto sempre un gradino o due sotto il top, poi dopo un po’ si fa l’upgrade.

In ogni caso, sempre per stare leggeri, in viaggio fa molto comodo un SSD invece del solito HD (sicuramente più pesante). Uno da mezzo TB può essere sufficiente, ma ovviamente questo dipende da quanto tempo si starà lontani “dalla base” e quanto foto/video si registreranno giornalmente. Ad ogni modo un valido SSD da 500 GB lo trovate ad un prezzo ragionevole su Amazon.

Per quanto riguarda le SD – ormai praticamente lo standard – da inserire nella macchina fotografica la scelta è vastissima. Anche qui è bene optare per prodotti di brand consolidati ma soprattutto veloci in scrittura, altrimenti le raffiche di foto o i video in 4K ce li giochiamo nel collo di bottiglia dovuto proprio alla velocità di trasferimento. Attualmente utilizzo delle Lexar SDXC II da 300 MB/s.

Questa qui di seguito è una tabella estratta dal manuale della mia fotocamera. Può essere utile per capire quale memoria scegliere in base a ciò che vogliamo fare.

Illuminazione per foto notturne

Fare foto in notturna è molto affascinante, anche perché spesso i risultati sono strabilianti e racconto una realtà che ai più sfugge.

L’ideale è essere completamente al buio, ma in queste condizioni è difficile persino muoversi oltre che gestire la macchina fotografica. Allora ci può essere d’aiuto una torcia da testa con luce bianca e rossa selezionabili come questa qui sotto.

La luce bianca la useremo quando saremo da soli, altrimentri potremmo dare fastidio ad altri fotografi. La rossa, invece, va sempre bene, e permette sicuramente di riuscire a vedere i comandi che vogliamo utilizzare. Un buon prodotto lo trovate facendo click qui in Amazon.

Microfono esterno

E’ un accessorio che uso poco, o meglio più per video legati alla mia professione che altro, perché principalmente quando esco faccio foto.

In ogni caso anche questo è stato scelto tenendo in considerazione peso, dimensioni e prestazioni. E così la scelta è caduta su uno dei più usati, il Rode VideoMicro.

Si attacca direttamente sulla slitta del flash esterno per la macchina fotografica, quindi è molto pratico. L’antivento fa il suo lavoro e in esterna non se ne può fare a meno. Non costa poco, è vero, ma se è molto imitato un perché ci sarà. Si trovano infatti molte imitazioni, ma leggendo qua e là non tutti i pareri sono concordi sulla qualità audio. Perciò fate l’acquisto una volta, prendete un oggetto di qualità e non ci pensate più.

Computer portatile

Se vi divertite a fare foto e video non potete non portare in viaggio il vostro laptop. Purtroppo è una scomodità, è vero, ma serve. Serve per tante cose, tra le quali controllare le foto e trasferirle/salvarle in HD portatili o nel cloud liberando così spazio dalle memory card. Ma ci servirà anche per trovare informazioni sui luoghi da visitare e fotografare, ovvero organizzare al meglio la nostra giornata.

Per questo serve un laptop compatto (14″) e leggero (peso intorno al kg) così da poterlo infilare nello stesso zaino dell’attrezzatura fotografica. Potendo spendere qualcosa in più è bene prenderne uno con SSD – Solid State Disk – anziché il classico a dischi rotanti. Oltre ad essere più veloce, è anche più piccolo, leggero e ma soprattutto sicuro in quanto non ci sono parti meccaniche che si possono rompere. Quindi i vostri dati saranno più protetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.